Skip to main content
flipper2

Flipper in classe



Forse il professore non ha più voglia di insegnare.
Infatti ha smesso: dice agli studenti di che cosa parleranno nella prossima lezione, e poi gli chiede di preparare loro una presentazione da fare in classe. Ha diviso la classe in gruppi e ogni gruppo ha scelto un particolare aspetto dell’argomento.
Lui si è limitato a mostrargli come utilizzare alcune Google app, in modo da interagire a distanza e in momenti diversi.
Forse ha perso l’entusiasmo e Social Books è soltanto una scusa per fare lavorare gli studenti.
Sicuramente in questi anni la geografia l’ha imparata. Quando sabato gli studenti hanno esposto quanto fatto, sembrava conoscere ogni singolo fiume, monte o lago d’Europa. Conosceva il sollevamento delle pianure e ha corretto i due studenti che hanno scambiato le coste rocciose con quelle sabbiose.
Ha seguito il lavoro da lontano, controllando le modifiche e le aggiunte di ogni studente.
E ha espresso il concetto più importante di questa flipped classroom: il gioco di squadra. In un gruppo ci sono interessi e capacità differenti. Essere bravi significa organizzare il lavoro di tutti i componenti in modo che ognuno faccia la sua parte.
Alla prossima presentazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *