Skip to main content
SB - fase 1 fede

Social Books porta la facilitazione grafica in aula!

Progettato per trasformare i libri scolastici in un’esperienza inclusiva, creativa e partecipativa, Social Books è un progetto sperimentale volto a cambiare il futuro della formazione, generando un impatto sociale sostenibile e innovativo nella misura in cui studenti e insegnanti lavorano insieme a scuola.


Social Books è stato ideato da Archilabò, cooperativa sociale nata nel 2011 per aiutare bambini e giovani con difficoltà e Disturbi Specifici dell’Apprendimento nell’affrontare il proprio percorso di studio. Archilabò affianca gli studenti dopo la scuola, offrendo loro supporto e modi alternativi di apprendimento anche grazie all’integrazione di nuove tecnologie nella didattica.

04


Il progetto ha vinto il premio Sodalidas Social Innovation 2015 per la categoria “Infanzia e giovani”, assegnato dalla Fondazione Sodalitas,  partner italiano della rete europea di business per Corporate Social Responsibility; Social Books è stato inoltre selezionato tra le applicazioni più promettenti presentate a HANDImatica 2014.


Grazie al crowdfunding realizzato da 9 partner e 81 sostenitori desiderosi di re-immaginare l’educazione,da settembre 2015  il progetto è attivo nella scuola secondaria inferiore Carlo Pepoli di Bologna.

 


SB_Geo

La materia del primo Social Book è geografia, sviluppata entro giugno 2016 da 26 studenti della 1C della scuola C. Pepoli. Di soli 12 anni e provenienti da contesti differenti, gli studenti sono i protagonisti di questa entusiasmante esperienza di apprendimento.



L’idea centrale di Social Books è il learning by doing: gli alunni acquisiscono conoscenze e competenze creando i propri libri di testo – digitali, condivisibili, ad alta leggibilità e scaricabili gratuitamente da tutti. Lo scopo è coinvolgerli attivamente nel processo di apprendimento, consentendo loro di co-progettare la propria istruzione.


Così, la classe si trasforma in una redazione, che lavora attraverso supporti fisici e digitali, mentre l’insegnante suggerisce contenuti e strumenti, supervisiona i testi, guida gli studenti agendo come un mentore.



Altro obiettivo è lo sviluppo di una piattaforma educativa multimediale, che può essere arricchita da comunità locali di insegnanti e studenti che condividono i loro libri di testo, così come programmi di ricerca e materiali.



I Social Books sono co-progettati dalla comunità scolastica con il supporto di un team di professionisti:

 

 

SB- Fase 3 fede

l’educatore multimediale forma gli studenti nell’uso degli strumenti informatici e delle nuove tecnologie;

 

 


 

 

 

SB- Fase 3 fede

tutor dell’apprendimento aiutano la classe a integrare i diversi stili di apprendimento presenti e a sviluppare testi ad alta leggibilità;

 

 

 

03

 


il facilitatore grafico introduce gli studenti all’uso di rappresentazioni visive per riassumere e organizzare i contenuti principali di un testo o di una lezione.

 

 




L’introduzione della facilitazione grafica a scuola è uno dei tratti specifici di questo ambizioso progetto.


In qualità di partner principale e donatore, CreativeConnection sostiene l’iniziativa: per la prima volta, stiamo portando la facilitazione grafica a scuola come un metodo basato sull’apprendimento visivo e collaborativo, trasmettendo e condividendo le nostre competenze con gli insegnanti e gli studenti.


Noi crediamo che l’istruzione debba ripensare l’esperienza di apprendimento, sfidando gli attuali modelli attraverso la sperimentazione di nuove pratiche.


Crediamo nella forza della facilitazione grafica come strategia per trasformare narrazioni e re-immaginare l’istruzione.


Questo è il motivo per cui stiamo sostenendo Social Books e la sua visione di una nuova scuola dove gli studenti diventano co-progettisti e costruttori attivi della propria esperienza di apprendimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *